Prorogata a tutto il 2020 la cedolare al 10% nei comuni soggetti a calamità naturali

Pubblicata il: 14 Feb 2020

Prorogata a tutto il 2020 la cedolare al 10% nei comuni soggetti a calamità naturali

E’ stato approvato in Commissione alla Camera dei Deputati in sede di conversione del c.d. Decreto Milleproroghe l’emendamento che consente di applicare la cedolare al 10% nei contratti a canone concordato stipulati nei comuni soggetti a calamità naturale per i quali era da anni prevista questa misura. Si è così evitato che in questi comuni si verificasse un’impennata nella tassazione con il passaggio automatico dell’aliquota dal 10 al 21%.

Naturalmente esprimiamo apprezzamento e soddisfazione per una decisione sostenuta con forza da ASPPI in questi mesi.

La proroga decisa tuttavia non risolve il problema per le annualità successive a quella in corso, e resta per noi fermissimo l’obiettivo di una estensione delle agevolazioni ai contratti a canone concordato in tutti i comuni italiani.
Continueremo ad impegnarci in questo senso.

Presidente Nazionale ASPPI – Alfredo Zagatti

Condividi sui social