Patuanelli (ministro dello Sviluppo economico): prorogare ecobonus e detrazioni per ristrutturazioni edilizie

Pubblicata il: 25 Set 2019

Patuanelli (ministro dello Sviluppo economico): prorogare ecobonus e detrazioni per ristrutturazioni edilizie

Il Ministro in una nota specifica che:‘grazie alle detrazioni, dal 2007 a oggi, si sono realizzati 39 miliardi di euro di investimenti per riqualificazione energetica’
In base alle dichiarazioni del ministro dunque le detrazioni fiscali per i lavori in casa dovrebbero essere salve anche quest’anno. Almeno il bonus ristrutturazioni e l’ecobonus.
Il Governo sarebbe impegnato a trovare le necessarie risrse in coerenza con l’impegno del Governo per l’ambiente: il cosiddetto “Green new deal”su cui il Governo vuole impegnarsi in coerenza con quanto scritto nel programma con cui si è presentato alle Camere che, tra i vari punti, annovera il “Green new deal”, un piano per la rigenerazione urbana e la riqualificazione energetica verso un progressivo e sempre più diffuso ricorso alle fonti rinnovabili.
C’è da chiedersi se tutte le detrazioni fiscali saranno prorogate. Il Ministro Patuanelli ha citato espressamente l’ecobonus e il bonus ristrutturazioni. Senza nessun intervento, l’ecobonus scadrà il 31 dicembre 2019, mentre per il bonus ristrutturazioni si abbasseranno sia l’aliquota della detrazione (che passerebbe dall’attuale 50% al 36%) sia il tetto di spesa (che scenderebbe da 96mila a 48mila euro).

Al riparo da probabili scossoni il sismabonus. L’incentivo per l’adeguamento e il miglioramento antisismico degli edifici in zona classificata a rischio sismico 1, 2 e 3 scadrà il 31 dicembre 2021.

La vera incognita è il bonus mobili. Lo scorso anno era stato ipotizzato di lasciarlo scadere, ma poi è stato confermato. Per quest’anno la partita è aperta e si gioca sul terreno delle risorse e delle priorità. In scadenza anche il bonus verde, di cui si attende di conoscere le sorti. Il quadro potrà essere più chiaro già dalla prossima settimana, quando dovrebbe essere diffusa la nota di aggiornamento del Def.

Condividi sui social